Roma, 9 apr. - È stata firmata oggi, da Unionmeccanica Confapi, Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil, la stesura definitiva del Contratto nazionale di lavoro per le piccole e medie industrie dei settori della metalmeccanica e installazione di impianti, frutto dell’accordo già siglato e sottoscritto il 3 luglio 2017. Il Contratto, che interessa circa 360mila lavoratori di 34mila piccole e medie industrie del settore, prevede una durata quadriennale con un aumento sui minimi calcolato su base IPCA a partire dal 1° novembre 2017 e l'erogazione a titolo di una tantum di 80 euro nella busta di ottobre 2017. Si prevede anche un versamento alla sanità integrativa pari a 60 euro, che ha avuto decorrenza dal 1° gennaio 2018 nonché la continuità dei versamenti all'ente bilaterale di settore che garantirà ulteriori prestazioni alle aziende e ai lavoratori. Nel 2018, 2019, 2020 saranno erogati 150 euro come 'flexible benefits' mentre sono state adeguate le percentuali di versamento al Fondapi, Fondo di Previdenza integrativa, fino ad un massimo del 2%. Fra le novità del contratto l’istituzione della “Banca delle ore solidale”. Con l’intesa è infatti ampliata, oltre a quanto previsto dalla legge, la cessione volontaria a titolo gratuito, di quote di Par (permessi annui retribuiti) accantonati in conto ore e di ferie aggiuntive monetizzabili a tutti i casi di grave necessità in azienda.

Questo sito utilizza Cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire servizi in linea con le preferenze dell'utente. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all’uso dei Cookie.
Per saperne di più, o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, si prega di prendere visione della pagina Cookie Policy